La Storia

Scuola Primaria “G. Rodari”

Chi era Gianni Rodari?
Nato a Omegna [Novara] nel 1920, morto nel 1980 a Roma, Gianni Rodari è stato giornalista, collaboratore de «L'Unità» e di altri periodici. Nel 1970, ebbe il Premio Andersen. Rodari è il migliore autore di favole italiano della seconda metà del XX secolo. Passò tutta la vita a scrivere per "i grandi di domani". E' stato tra gli autori più innovativi e intelligenti del panorama letterario e culturale italiano di quegli anni. Caratteristica dominante è l'ironia, la forte ed eversiva carica surrealista, il mondo rovesciato, in uno stile semplicissimo e chiaro, limpido. Grazie a lui, c’è stato un rinnovamento della letteratura cosiddetta per l'infanzia. Con la sua comicità intelligente, ha dato spazio ai temi della vita d'oggi, sostituendo il tradizionale favolismo magico con personaggi e situazioni surreali. “Filastrocche in cielo e in terra” uscì nel 1960. E' una lunga raccolta di storie, divise in cinque capitoli, con le indimenticabili illustrazioni – anch'esse innovative – di Bruno Munari. Seguirono Le avventure di Cipollino (1961), il bellissimo Favole al telefono (1962), Gip nel televisore (1964), Il libro degli errori (1964), La torta in cielo (1966), Le filastrocche del cavallo parlante (1970), C'era due volte il cavallo Lamberto (1978), Il gioco dei quattro cantoni (1980), Il secondo libro delle filastrocche (1985). Ha esposto la sua concezione narrativa e pedagogica in "Grammatica della fantasia : introduzione all'arte di inventare storie" (1973). Nel 1993, è uscita una raccolta dei suoi cinque migliori volumi, dal titolo” I cinque libri : storie fantastiche, favole e filastrocche “(1993). L'attenzione editoriale per Rodari è continuata anche negli anni successivi.

Powered by WordPress | Designed by: seo services | Thanks to seo company, web designer and internet marketing company